Paolo Caliari pittore

Paolo Caliari nacque nel 1764 a Verona e ivi morì nel 1835.

La formazione

In primo luogo, Paolo Caliari, conosciuto anche come Paolino o Paolo il giovane per distinguerlo dal celebre omonimo, studiò con Prospero Schiavi, allievo del Cignaroli.

Conseguì il diploma presso l’Accademia di pittura veronese, distinguendosi presto per l’abilità nell’eseguire copie di tele di maestri del Rinascimento. Riuscì infatti a imitarne i procedimenti tecnici e giunse a trattare con ottimi risultati la pittura a encausto.

Il trasferimento a Torino

In secondo luogo, per queste sue capacità fu chiamato a Torino dal mecenate veronese Maurizio Gherardini, ambasciatore della Corte di Vienna. Nella capitale sabauda Paolo Caliari avrebbe dovuto realizzare copie di celebri quadri, ma la morte del mecenate e le mutate situazioni politiche posero presto fine alla committenza.

Il ritorno nella città natale

Tornato in patria, Paolo Caliari si dedicò all’attività incisoria illustrando, per esempio, l’Agricoltura di Lucio Cumella. Realizzò anche un’incisione dell’affresco della Crocefissione di Jacopo Bellini, già nella cattedrale veronese, distrutto alcuni decenni prima.

Il riconoscimento del talento

Nel 1808 ottenne l’incarico di maestro nell’Accademia di Pittura scaligera, dove insegnò per molti anni.
Successivamente, con il tramonto dell’Impero napoleonico fu incaricato di realizzare la copia delle tre piccole scene della predella della pala di Mantegna in San Zeno, trafugate durante la dominazione francese.

Le opere di carattere religioso

Nei primi anni del XIX secolo l’attività di Paolo Caliari si svolse in molte chiese veronesi, per le quali realizzò grandi pale. Il Sacro Cuore e Santi a San Nazaro e l’Ascensione per la cappella della villa la Pergolana a Lazise ne sono un esempio.

La committenza privata

Allo stesso tempo, Paolo Caliari realizzò un nutrito elenco di opere per committenti privati che ancora oggi si possono ammirare nei palazzi del centro storico.


Infine, dell’attività di Paolo Caliari occorre ricordare quella ritrattistica: realizzò infatti i ritratti di molti letterali e membri dell’alta nobiltà veronese.

Sono interessato ad acquistare opere del pittore Paolo Caliari pertanto non esitate a mandare foto e possibilmente richiesta all’indirizzo mail faustinimarcoantichita@gmail.com  oppure tramite whatsapp al 3497714423.

Qui tutte le info: Compro e Vendo quadri dell ‘800 e ‘900

Pagina Facebook con aggiornamenti: Faustini Marco Antichità

Le informazioni bibliografiche sono state tratte da “La pittura a Verona. Dal primo Ottocento a metà Novecento”, a cura di Pierpaolo Brugnoli, Banca popolare di Verona, Verona 1986.