Gino Severini pittore

Gino Severini nacque a Cortona nel 1883 e morì a Parigi nel 1966.

L’attività artistica

In primo luogo, Gino Severini si trasferì a Parigi nel 1906 e assunse ben presto il ruolo di collegamento tra la cultura italiana e quella francese. Già in rapporto con i futuristi, nel 1919 Gino Severini curò la redazione del secondo numero di “Valori Plastici” interamente dedicato alla situazione artistica francese.

In secondo luogo, dal 1906 agli anni Venti Gino Severini passò dal cubismo a un classicismo sensibile a echi metafisici. Queste sue considerazioni artistiche furono raccolte in un saggio pubblicato a Parigi nel 1921.

In terzo luogo, Gino Severini nel 1916 colse la tendenza a un rinnovato interesse per il museo, nella direzione di un recupero dello spirito classico. Nel 1919 Gino Severini si legò inoltre al mercante Léonce Rosenberg, che raccoglieva molti artisti intorno alla Galerie l’Effort Moderne. Grazie al mercante nel 1921 Gino Severini realizzò la decorazione ad affresco di una sala del castello di Montegufoni, vicino a Firenze, di proprietà di un nobile inglese. Tre anni più tardi Gino Severini eseguì la decorazione delle chiese di Semsales e Friburgo.

Infine, Gino Severini è menzionato nel libro di Franz Roh (1925) come uno dei massimi esponenti italiani del realismo magico. Nel 1923 Gino Severini si presentò alla Biennale romana con cinque opere, tra cui la celebre “maternità”. Successivamente, partecipò alla II edizione della Biennale Romana e alle mostre milanesi del Novecento italiano nel 1926 e 1929.

In conclusione, temi cari alla pittura di Gino Severini furono: elementi tratti dal paesaggio della Roma antica, maschere e nature morte.

Sono interessato ad acquistare opere del pittore Gino Severini pertanto non esitate a mandare foto e possibilmente richiesta all’indirizzo mail faustinimarcoantichita@gmail.com  oppure tramite whatsapp al 3497714423.

Qui tutte le info: Compro e Vendo quadri dell ‘800 e ‘900

Pagina Facebook con aggiornamenti: Faustini Marco Antichità

Realismo magico: pittura e scultura in Italia, 1919-1925, Mostra tenuta a Verona nel 1988-1989, a cura di Maurizio Fagiolo dell’Arco. Milano, Mazzotta, 1988.